Al 2013 chiederemo più giustizia – Attenzione: questo post può ferire le persone più sensibili

Attenzione: cliccando qui è visibile la foto di apertura di questo post il cui contenuto esplicito e violento può ferire gli animi più sensibili

Appena svegli andiamo dalla nostra Siccomona. Comincia a essere una criceta anziana, e per il suo battito cardiaco naturalmente “accelerato”, come il suo metabolismo, un forte spavento può essere fatale. Anche lei è sveglia, si alza su due zampine e ci sale in mano. Odora ancora di adrenalina: ieri sera abbiamo deciso di stare con lei affinché si sentisse  “protetta” nonostante i botti, ma a un certo punto non ce la facevamo più e siamo dovuti andare a letto. Pensavamo l’avessero fatta finita con petardi e simili ma non è stato così. E questo è il risultato.

Non poteva purtroppo finire qui, perché troppi schifosi esemplari della nostra specie insistono ogni anno per effettuare la transizione all’anno nuovo nel sopruso e nella violenza.

Non basta il sicuro e spesso mortale terrore dei piccoli e grandi animali. Hanno voluto più sangue.

Usciamo per riparcheggiare la macchina vicino a casa (ieri abbiamo dovuto spostarla in un posto che ci pareva dare più garanzie contro l’imbecillità generale di fine anno). Rientrando a casa incontriamo la scena che vi ha accolto in apertura.

La gente comune chiama serate come quella di ieri  “festa”, per abitudine; noi riteniamo giusto invece che vada chiamata GUERRA e pertanto non abbiamo voluto censurare niente, perché SENZA VERITA’ COME POTRA’ MAI ESSERCI GIUSTIZIA?

Venti metri più in là, stessa via, anche un topolino è saltato in aria. Le zampine anteriori sono in una posa chiaramente innaturale, come chiunque abbia un minimo di dimestichezza con i roditori può constatare. Pensare che era poco più grande della nostra piccola amica ci ha fatto ancora più effetto.

Immagine

Un gatto e un topo vittima nella stessa notte della medesima barbarie. Una sorte ironica e crudele. Una sorte che si chiama UOMO.

Ci vergogniamo della nostra specie. Non riusciamo a trovare giustificazioni per chi può essere arrivato a considerare tutto ciò un divertimento.

Lasciamo il perdono ai diretti interessati, sperando laicamente che possa davvero esistere un luogo migliore di questo per i due animali innocenti che altrimenti avrebbero subito una fine misera ma soprattutto assolutamente inutile della loro UNICA esistenza.

E auguriamo ai carnefici che questa tragedia di capodanno sia solo il pallido presagio di quello che davvero li attenderà nel 2013.

NOTA PER I LETTORI: l’uccisione intenzionale degli animali non destinati all’alimentazione umana è REATO e chiunque, anche senza essere il proprietario degli animali offesi, può segnalare il fatto di cui è stato testimone presso il locale comando dei vigili urbani.

About these ads

Informazioni su Jaulleixe

cyberactivism, ecology, nature, art, music, trashware, vegetarianism, veganism, feminism, GIS, psichology, sociology, theology, wildness, trekking, woods, gender studies, fair trade, informatics, homemaking, raw food, retrocomputing, doodling, guerrilla gardening, modding... "Those who claim to care about the well-being of human beings and the preservation of our environment should become vegetarians for that reason alone. They would thereby increase the amount of grain available to feed people elsewhere, reduce pollution, save water and energy, and cease contributing to the clearing of forests. When nonvegetarians say that 'human problems come first' I cannot help wondering what exactly it is that they are doing for human beings that compels them to continue to support the wasteful, ruthless exploitation of farm animals." - Peter Singer, on "Animal Liberation"
Questa voce è stata pubblicata in Buzzette, ECO e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Al 2013 chiederemo più giustizia – Attenzione: questo post può ferire le persone più sensibili

  1. momiemomix ha detto:

    Che schifo che siamo diventati…non ci sono altre parole!

  2. icoloridellarcobaleno ha detto:

    Non ci sono parole per commentare le immagini e la testimonianza che avete pubblicato. La crudeltà umana non conosce limiti, e mi chiedo se sia giusto definire con l’aggettivo umano chi compie azioni del genere.

  3. Francesca ha detto:

    :( non ho parole… Veramente.. Tanta cattiveria gratuita con creature indifese e che anzi si fidano dell’uomo.. Che schifo di persone.. :'(

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...